Fa già troppo caldo per rimanere a casa il sabato mattina, ma il vento è ancora troppo freddo?

Che ne pensate di un bel pic nic al parco?

Che siate a Roma, Milano, Firenze o in un paesino sperduto della Basilicata, c'è sempre un parco fatto su misura per voi e per i vostri amici dove stendere una coperta a scacchi sull'erba e banchettare allegramente i mezzo alla natura.

Se siete a Milano, Villa Invernizzi fa al caso vostro, soprattutto nel mese di maggio, in cui i fenicotteri rosa si mostrano vanitosi. L'abitazione della famiglia Invernizzi si affaccia su corso Venezia, che nel '700 e nell'800 era il viale del passaggio delle dame in carrozza, ma è nota per il giardino retrostante, su via dei Cappuccini che oltre ai fenicotteri ospita pavoni e anatre.

Se siete in Liguria ci sono ben due parchi in cui vale la pena di fermarsi per un pic nic. Parco di Villa Doria a Genova e Villa Grok a Imperia.

Il primo, Villa Doria a Genova, nel 2012 è stato eletto uno dei 12 parchi più belli d'Italia e si trova nel centro di Genova a pochi passi dalla stazione ferroviaria. Sullo sfondo dell'immenso parco c'è la villa costruita nel XVI secolo che fu la residenza del principe Gian Andrea Doria e dei suoi discendenti. Ora il parco appartiene al comune ed è aperto a tutti. Se scegliete villa Doria, vale la pena di visitarne il laghetto artificiale con il suo strano isolotto, che si trova nella parte più elevata della villa.

A Villa Grok ad Imperia potrete anche visitare il museo del clown. Il proprietario della villa, Adrien Wettach, il cui nome d'arte era Grok, fu consacrato il “Re dei clown” all'Olympia di Parigi nel 1919. La leggenda della giocoleria conobbe Imperia per caso durante una vacanza e non andò più via. Il parco riflette l'eccentricità di Grok, conservando però il patrimonio vegetale tipico dei giardini storici della Riviera. I camminamenti ben delimitati invitano a passeggiare fra i colonnati a fuso, gli archi e decorazioni uniche. Le fontane, il laghetto e il ponticello di ispirazione orientale rendono il parco simile ad una scenografia fiabesca.

Dalla Liguria alla Sicilia, per un pic nic a base di arancini al pistacchio nel Parco d'Orléans a Palermo. Il parco risale all'inizio dell'800 come riserva di palazzo d'Orléans che attualmente è la sede della presidenza della Regione Siciliana. È un parco ornitologico e ospita moltissime specie animali provenienti da tutto il mondo. Potrete sistemare il vostro cestino da pic nic all'ombra dei grandi ficus magnilioides dalla radici volanti.

Da Palermo a Roma. Nel nostro pic nic non poteva mancare Villa Doria Panphili, che come tutte le ville di Roma trae origine dalla tenuta di campagna della famiglia nobile romana. Immensa e bellissima, vi stupirà per i giardini giapponesi e per il maestoso roseto.

E se non vi basta c'è il Parco di Capodimonte, il polmone verde della città di Napoli, per un pinc nic a base di pizza. Il parco si estende per circa 130 ettari ed è popolato da oltre 400 tipi diversi di piante e imponenti alberi secolari. Il bosco costituiva la riserva di caccia di Carlo III di Borbone. Ospita la reggia e il museo nazionale.

Bene e ora che sapete dove andare, sapete anche cosa preparare per il vostro pic nic?

I tramezzini per esempio sono un magnifico finger food! Potreste prepararne al tonno, con misticanza, capperi, maionese e senape. Oppure al salmone, con uova di lompo, lattuga, maionese allo yogurt. Aizzate la fantasia e svuotate il frigorifero, non bisogna essere grandi chef per preparare un cestino da pic nic, ma bisogna avere del buon cibo, conserve e vino. E dove li volte trovare se non su Ufoody?